Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Storia dell'Hammam Al Ándalus

Nella vecchia Al Ándalus, il bagno pubblico o Hammam era uno dei principali centri della vita sociale. L'igiene del corpo, attività dal carattere rituale, era considerata un atto di purificazione religiosa. Ma il bagno era anche un luogo di riunioni, di riposo e di relax.

Quando nel 711 le truppe del Califfato Omeya di Damasco, procedenti dal Medio Oriente e dal nord dell'Africa, entrarono nella penisola passando per Gibilterra, trovarono la tecnologia di gestione dell'acqua che avevano creato i romani. Acquedotti, servizi igienici, terme. Un'ingegneria che adottarono presto e che portarono a livelli fino ad allora impensabili. Da questa fusione di culture sorsero gli Hammam della Spagna musulmana, molto diversi rispetto ai bagni pubblici del resto del mondo.

Nella Spagna medievale vi erano numerosi bagni pubblici nelle più importanti città. Questi erano utilizzati sia da uomini che da donne, in rigorosi turni dall'alba alle prime ore della sera.

In generale, i Bagni Arabi di Al-Ándalus avevano a disposizione diverse stanze, come lo spogliatoio, le sale d'acqua fredda, tiepida e calda, e la stufa. La sala principale, che occupava il centro, era quella tiepida. È anche la sala più grande, dove la gente passava la maggior parte del tempo.

La sala centrale, a cui si accedeva dopo essere passati per la sala massaggio o la sala del vapore, era un luogo di riposo, per bere o per conversare.

La decorazione delle sale era costituita da motivi geometrici, che davano un'aria semplice e accogliente al complesso, a cui contribuiva l'illuminazione, prodotta in modo indiretto attraverso varie piccole aperture nel tetto, a forma di stella. Originariamente coperte da vetri colorati, lasciavano passare una luce tenue e ricca di sfumature, creando un ambiente di pace e tranquillità.

 

Uno spazio unico nel centro storico di Granada, Cordova, Madrid e Malaga, che ricrea un ambiente tipico della Spagna musulmana, quando la penisola iberica era un luogo di incontro tra le civiltà musulmana, cristiana e ebrea.

Siamo protagonisti e promotori del patrimonio culturale di Al Ándalus, trasmesso attraverso i secoli e le generazioni. Ci siamo evoluti con la forza che danno le radici che ci legano alla nostra grande storia e cultura.

Le loro acque, i profumi e la decorazione non solo trasportano i visitatori alla magia di un'epoca passata, ma costituiscono lo scenario in cui potranno abbandonarsi all'esperienza, all'emozione e alle sensazioni.

Il gruppo societario Hammam Al Ándalus fu fondato nel 1998 ed è attualmente formato dai Bagni di Granada, Cordova, Madrid e Malaga. I Bagni, situati nei centri storici delle città, sono diversi tra loro, rispettando la cultura dei dintorni e basandosi sulle loro radici storiche: Nasridi a Malaga e Granada, Omeya a Cordova e Mudéjar a Madrid.

Le strutture del Gruppo Al Ándalus sono considerate del più alto livello nel suo settore. La loro costruzione, con l'utilizzo di materiali tradizionali e di ultima generazione, rendono questi spazi un esempio di connessione tra le tradizioni più antiche e lo stato più avanzato della tecnologia moderna.

I Bagni sono costituiti da tre ambienti con acqua a diverse temperature, che danno il nome alle diverse sale: calda, tiepida e fredda. Completano il percorso la sala del vapore, la sala relax e la sala della pietra calda dove ci si può godere il nostro servizio più tradizionale, il Rituale Al Ándalus. Il cliente fa un viaggio nel tempo e si lascia trasportare in un viaggio con l'esotismo e la sensualità della mitica Spagna musulmana.

Hammam Al Ándalus - Granada
Sono i primi Bagni Arabi aperti in Spagna, cinque secoli dopo la loro scomparsa, con l'espulsione degli ultimi musulmani. Situato ai piedi della Alhambra, l'Hammam Al Ándalus di Granada recupera dal nostro passato musulmano l'essenza di quello che era un antico Bagno Arabo.

L'edificio che ospita i Bagni Arabi risale al secolo XIII-XIV e durante gli scavi archeologici furono scoperte polle d'acqua. Sia la struttura dell'edificio che la sua vicinanza alla chiesa di Santa Ana fanno pensare che erano d'uso pubblico. Questa scoperta induce a credere che gli ambienti utilizzati per la realizzazione dei Bagni Arabi si trovino su un antico Hammam.

Hammam Al Ándalus - Cordova
Situato a pochi metri dalla Mezquita, nel cuore della città cordovese, questi Bagni dall'architettura califfale furono i primi ad aprire a Cordova e ne costituiscono un vero emblema.

Come simbolo della tappa del Califfato Omeya, Cordova continua ad essere strettamente legata alla sua storia.  I Bagni Arabi più emblematici di Cordova sono uno degli spazi più affascinanti della città che meritano una visita obbligatoria.

Ogni Hammam Al Ándalus ha rispettato al massimo l'ambiente in cui è stato ricostruito. A Cordova, la sala tiepida è situata al centro, dominando tutto il complesso; approfittando della sua posizione, gli fu data una forma quasi quadrata, sotto una spettacolare cupola stellata che fa passare la luce naturale e ci fa viaggiare nel tempo.

Hammam Al Ándalus - Madrid
Si trova in una cisterna centenaria ubicata in pieno centro di Madrid, nell'antico quartiere arabo, attualmente quartiere de La Almudena (antica almudaina). Un oasi di pace tra la frenesia di una città in cui l'antica tradizione del bagno arabo conserva tutti i suoi benefici. 
Dal semplice e accogliente stile mudéjar, l'ambiente di intimità e tranquillità si percepisce dal momento in cui ci immergiamo in una qualsiasi delle sue terme.
Tutto lo stress e la stanchezza della vita quotidiana vengono dimenticati dopo aver attraversato la porta dell'hammam e dopo esserci fatti trasportare dal movimento dell'acqua e dall'ospitalità.

Hammam Al Ándalus - Malaga

L'Hammam Al Ándalus apre le sue porte a Malaga nel 2013, dopo oltre dieci anni di studio ed elaborazione di un dettagliato e curato progetto architettonico e di stile Nasridi. Il luogo scelto è la Plaza de los Mártires, in piena zona dei 
musei di Malaga, in un edificio che ospitava un antico forno situato in prossimità della torre Mudéjar della Chiesa dei Santi Martiri. La particolare decorazione di questo monumentale Hammam è totalmente ispirata all'epoca in cui Malaga era la porta d'accesso del regno Nasride di Granada.